[ Lettere ]
 [ Proposte ]
 [ Solleciti ]
martedì , 11 agosto 2020
 
 
PERSONALE
:: Home
:: Biografia
:: Recapiti
:: Scrivimi
:: Legal Note
   
INIZIATIVE
:: Campagna risparmio idrico
:: Osservatorio sulla sicurezza
:: Campagna sul decoro urbano
   
ASSOCIAZIONE
:: Info
:: Archivio
   
CERCA NEL SITO
powered by Google
STAFF AREA
Username
Password

 

   
   

Documenti

Dettaglio documento pubblicato n. 223
 
Foto non disponibile
Data: 01/06/2002
Destinatario: ON.LI ANTONIO TAJANI - PAOLO BARELLI - EUGENIO LEOPARDI - DOTT.SSA LUCIA GALLERANO
Descrizione: PROPOSTA DI DOCUMENTO POLITICO DIPARTIMENTO SERVIZI SOCIALI FORZA ITALIA
   
Dettaglio:
Roma 01/06/2002 Dal Consigliere Mario Remoli V° Municipio del Comune di Roma al Dipartimento per le Politiche Sociali di Forza Italia – Via Donatello – Dott.ssa Lucia Gallerano ******** Al centro delle politiche sociali, in un contesto generale nel quale una civiltà intende definirsi tale, deve trovare il suo giusto spazio l’attenzione agli “Ultimi”, intesa come punto di riferimento per un benessere sociale di tutti i componenti la stessa società. Uno dei principali obiettivi della Legge 328/2000 è l’integrazione delle diverse politiche territoriali, che incidono sulla qualità della vita del cittadino. Il concetto di integrazione riguarda le politiche sanitarie attraverso i Distretti U.S.L.; le politiche del lavoro e della formazione; le politiche ambientali; le politiche abitative; le politiche urbanistiche. Tutto questo integrato e coordinato incide notevolmente sulla vita quotidiana dei cittadini creando una risposta omogenee e effettiva alle esigenze e alla diminuzione di disagio sociale generale. LA FAMIGLIA: maternità – paternità – adolescenza – istruzione disabilità – malattie - anziani – disagio economico – disagio mentale –multietnicità - tossicodipendenze – sicurezza, ( - assistenzialismo + servizi al nucleo familiare – istituzione della figura professionale del “Mediatore Familiare”). DISABILI: totale sostegno alla famiglia, nei luoghi di lavoro, nei luoghi di svago e sport – servizi mirati alle patologie congenite. MALATI: più capillare assistenza presso la famiglia attraverso i servizi dei Distretti Sanitari in collaborazione con i servizi sociali Municipali ( analisi – terapie domiciliari – assistenza medico infermieristica – assistenza fisioterapica domiciliare – psicologica. ANZIANI: come risorsa della società e non “peso”; non relegati presso i “Centri Anziani riserve indiane” ma aperti al territorio, punti di aggregazione Polivalenti sul territorio – autonomia gestionale – servizi al territorio - stimolo e insegnamento delle arti e mestieri per i giovani – risorsa indiscussa di storia e di esperienza – valorizzazione del loro sapere – maggiore attenzione alla solitudine specialmente a quella domestica – centri diurni – case famiglia – assistenza domiciliare mirata. DISAGIO MENTALE: garantire progetti terapeutici di continuità, omogeneità e coerenza in collaborazione con i distretti sanitari di salute mentali, inserimento negli ambiti protetti. POVERTA’ ECONOMICA: incentivi economici mirati: affitto – riduzione bollette – spese sanitarie – tasse (non direttamente con benefici. diretti ma attraverso gli Enti che erogano il servizio) TOSSICODIPENDENZE: sostituzione dei SERT con strutture più funzionali al problema, che diano la sensazione ed il risultato finale più concreto rispetto alle richieste individuali dell’individuo case famiglia autogestite – centri polivalenti di socializzazione. MULTIETNICITA’: certezze e sicurezze per coloro che arrivano nel nostro Paese, diritti e doveri nei confronti delle Leggi vigenti, trasparenza e continuità in un rapporto scambievole di reciproca fiducia – corsi di lingua e specializzazione. SENZA FISSA DIMORA: funzionamento a tempo pieno, in ogni Municipio di luoghi di incontro – mense e luoghi gestiti dal Volontariato Sociale assistito. DISPERSIONE SCOLASTICA: ascolto delle criticità individuali prevenzione del fenomeno attraverso un continuo monitoraggio del territorio. Con questi spunti sono certo di contribuire nello spirito che ci accomuna ad un serio e costruttivo dibattito, sul come, cosa, quando e per chi si debba attuare una seria politica sociale sul territorio romano, attivando nel contesto un rispettoso quanto serio approfondimento verso quelle criticità che rileviamo nel settore e per cui dovremmo impegnarci a livello politico. Cordiali saluti Mario Remoli Proposta di un manifesto del Dipartimento Politiche Sociali di Forza Italia ************ L’attenzione agli “Ultimi” non ha colore, non ha ideologie, ma è ciò che scaturisce spontaneo dentro il cuore di ogni uomo libero pronto a donarlo agli altri. ***************** LA FAMIGLIA: GLI ANZIANI – IL DISAGIO MENTALE – I DISABILI I SENZA FISSA DIMORA - I MALATI IL DISAGIO ECONOMICO – LA MATERNITA’ - LA PATERNITA’ – L’ ADOLESCENZA LA DISPERZIONE SCOLASTICA – LA TOSSICODIPENDENZA LA MULTIETNICITA’ – LA SICUREZZA -
   

 
 

Inizio Pagina
Pagina precedente
Stampa questa pagina
Gedaservice
V Municipio - Via Giuseppe Rosaccio, 97 - 00156 Roma
Cell.  +39 360 428942 - Fax +39 06 68352564
Cookie Policy
Visite: 31771
Documento conforme standard W3C